Una parabola sul perdono

 

 

Gesù avrà avuto in mente le parole che oggi sentiamo dal libro del Siracide? Sicuramente le aveva nel cuore. Altrimenti non avrebbe insegnato a pregare: «Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori».

Quante volte ci è chiesto di perdonare?

A Pietro il numero di sette sarà già sembrato magnanimo, dal momento che nella teologia ebraica Dio perdonava lo stesso peccato tre volte; il giudeo osservante era tenuto a imitarlo, mentre alla quarta offesa poteva rivolgersi alla legge. Gesù corregge questa immagine di Dio, che è sempre disposto a perdonare. E invita i suoi discepoli a mettersi sulla stessa lunghezza d’onda.

Per rafforzare questa richiesta narra la parabola del servo spietato. Ci indigna la differenza di trattamento ricevuto e fatto subire dal protagonista. La sproporzione tra diecimila talenti e cento denari è un esempio della diversità che c’è tra i doni che riceviamo da Dio e quelli che possiamo e dobbiamo dare ai fratelli. Il perdono è forse quello che più ci costa, ma è anche quello che ci salva. E rende umana, schietta e vivibile la nostra società.    

 

Social: